Caldaia a condensazione murale
  • Soluzione per impianto
  • Alimentazione: metano
  • Funzione: riscaldamento
  • Funzione: produzione ACS
  • Detrazione 65%
  • Risparmio: elevato

Maniero installa caldaie a condensazione di diversi modelli: a basamento, murali ad incasso, in abitazioni nuove o esistenti ed effettua interventi di assistenza post-vendita. Maniero si occupa di tutto il processo di installazione, dal preventivo gratuito al collaudo della caldaia a condensazione. In particolare il nostro servizio chiavi in mano comprende:

  • Sopralluogo tecnico e preventivo, gratuiti;
  • Fornitura, installazione e collaudo della caldaia a condensazione;
  • Esecuzione di eventuali opere edili e smaltimento di vecchi apparecchi;
  • Pulizia degli ambienti dopo l’installazione;
  • Adempimenti per ottenere la detrazione fiscale;
  • Consulenza per finanziamenti;
  • Assistenza post-vendita;

Maniero lavora principalmente nelle province di Padova e Venezia, ma effettua anche interventi nel resto del Veneto e nelle regioni limitrofe. Contattaci per richiedere ai nostri tecnici un sopralluogo e un preventivo gratuito.

Download scheda tecnica

Cos’è la caldaia a condensazione?

La caldaia a condensazione è un apparecchio per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria alimentato a gas, che assicura un rendimento superiore rispetto ad una caldaia tradizionale, grazie al particolare sistema per il recupero del calore presente nei fumi di combustione. Nelle caldaie tradizionali, questo calore viene espulso (e pertanto sprecato) tramite il camino, in forma di vapore acqueo.

Perché installare una caldaia a condensazione?

  • La caldaia a condensazione consuma fino al 20% in meno della caldaia tradizionale (nell’utilizzo di acqua a 80°C circa), fino al 30% in meno (nell’utilizzo di acqua a 60°C circa), fino al 40% in meno (nell’utilizzo di acqua a 40°C circa);
  • Abbinata ad un impianto solare può conseguire un risparmio energetico complessivo del 60%;
  • Recupera il calore dei fumi della combustione ed espelle la condensa acida che da essi deriva attraverso le fognature;
  • Riduce del 70% le emissioni di ossidi di azoto e anidride carbonica rispetto alle caldaie tradizionali;
  • Beneficia della detrazione fiscale d’imposta del 65%

Come funziona la caldaia a condensazione?

La caldaia a condensazione, grazie ad uno speciale scambiatore di calore che funge anche da condensatore, raffredda i fumi di combustione fino alla temperatura di circa 50°/60°, ben più bassa dei 140°/160° degli impianti ad alto rendimento e dei 200°/250° degli impianti tradizionali. Questa procedura di raffreddamento permette di recuperare gran parte del calore che altrimenti verrebbe disperso attraverso il camino in forma di vapore acqueo. Il calore così recuperato viene utilizzato per preriscaldare l’acqua di ritorno all’impianto, migliorando il rendimento complessivo del generatore. La condensa che si accumula durante questo processo, contenente sostanze acide, viene convogliata in un’apposita vaschetta di raccolta e deve essere smaltita in base alla norma UNI 11071. Tale norma prevede tuttavia che, per le caldaie con potenza inferiore ai 35 kW (uso domestico), la condensa possa essere smaltita direttamente attraverso lo scarico in acque superficiali (fognature). Queste importanti caratteristiche delle caldaie a condensazione si traducono in una tangibile riduzione dei consumi, e quindi in un risparmio economico. Ma l’innovazione tecnologica delle caldaie a condensazione favorisce anche una notevole riduzione delle emissioni di anidride carbonica e degli ossidi di azoto, con conseguente riduzione dell’inquinamento ambientale. Nelle caldaie tradizionali infatti questi gas vengono dispersi nell’atmosfera assieme al vapore acqueo. Nelle caldaie a condensazione invece vengono raccolti in forma di condensa (contenente acidi derivanti dalla reazione fra vapore acqueo e gas) e smaltiti attraverso la rete fognaria.